Aciuer Aciuer
Aciuer

ACIUER

Omaggio a Zoltán Kodály

Omaggio a Zoltán Kodály


KELEMEN JÁNOS

KELEMEN JÁNOS

AL PROF. KELEMEN JÁNOS IL PREMIO INTERNAZIONALE “GALILEO GALILEI 2018”

Il Prof. Kelemen János, Membro della Presidenza Onoraria della nostra Associazione, ha ricevuto, sabato 6 ottobre alle ore 16,00, presso l’Università di Pisa, alla presenza del Rettore Paolo Maria Mancarella e del Sindaco Michele Conti, il Premio Internazionale “Galileo Galilei 2018” dei Rotary Club Italiani.

Il Premio è nato nel 1962 e vuole onorare studiosi stranieri di argomenti riguardanti la civiltà italiana come archeologia ed etruscologia, storia della letteratura, della lingua, storia politica, dell’arte, della musica, del pensiero, della scienza, del diritto e dell’economia.

Dal 2006 il Premio viene conferito anche a studiosi italiani che si siano distinti nelle scienze della natura. Infatti è stato anche conferito al padovano Prof. Pierpaolo Faggi, Professore di geografia umana presso l’Università di Padova.

János Kelemen, classe 1943, è Professore emerito presso l’Università ELTE di Budapest, dove ha insegnato Filosofia generale, con un contributo alla “Storia del Pensiero italiano”. Le sue ricerche si incentrano prevalentemente sulla Filosofia del Linguaggio e la Storia della Filosofia e della Letteratura italiana con particolare riguardo a Dante e al Pensiero italiano del Novecento.

L’Università ungherese ha riconosciuto il Professore con l’Academic Award per il suo contributo alla ricerca nella filosofia del linguaggio, i suoi studi sulla letteratura dantesca e l’influenza filosofica trasversale a più secoli il suo ruolo nello sviluppo del talento di una nuova generazione di filosofi ungheresi.

La Giuria del Premio Internazionale Galileo Galilei ha scelto il Professore “per i suoi eccellenti meriti nel campo della ricerca e della diffusione del pensiero italiano in Ungheria e della cultura ungherese in Italia, cui ha contribuito in maniera determinante anche nella sua qualità di Direttore d’Accademia di Ungheria in Roma, di Direttore del Dipartimento di Italianistica dell’Università di Szeged, di Socio fondatore e Presidente della Società Dantesca Ungherese”.